6 cattive abitudini che diffondono i germi

germi

L’uomo è un animale sociale che vive in gruppo, ma spesso questa convivenza è difficile, anche a causa delle cattive abitudini. Ce ne sono di alcune che fanno saltare i nervi, ma altre sono addirittura pericolose e favoriscono la trasmissione di germi. Queste non sono comuni abitudini, come il bere il caffè al mattino o rifare il letto, ma sono quelle che coinvolgono il mettere in bocca cose che non hanno quella funzione.

Ecco quali sono le sei principali e più diffuse cattive abitudini

Mangiarsi le unghie: è una cattiva abitudine (detta onicofagia) che colpisce molte persone, sia giovani che adulti. Questi soggetti mordicchiano, oltre che le unghie, anche le pellicine intorno a queste, di solito quando sono stressate, preoccupate per qualcosa, ma anche più semplicemente quando sono annoiate. Le unghie e le zone a loro intorno sono però un ricettacolo di bacilli, che così vengono in contatto con la nostra bocca e da qui finiscono in contatto con gli organi interni. Dare dei morsi sulle dita può anche portare alla formazione di abrasioni o tagli che potrebbero essere un altro covo per i batteri.  La AOL Lifestyle afferma anche che ci sia un rischio elevato di malattie alle gengive per i mordicchiatori seriali, infatti, la bocca è la prima parte del nostro corpo con cui entrano in contatto. Inoltre, se dopo aver mangiato le unghie non ci si lavano le mani e si tocca un’altra superficie si va, potenzialmente a infettare altre persone, per mezzo dei germi che depositeremo qua e la.

Il bagno è un ambiente pieno di batteri. Le feci possono trasportare la salmonella, l’e.coli e il norovirus, che può portare al diffondersi si infezioni alle vie respiratorie. Il Centers for Disease and Prevention afferma come in un solo grammo di feci umane vanno a contenere miliardi di germi. Proprio per questo motivo, è essenziale andare a lavarsi le mani sempre dopo aver utilizzato il bagno. Il The Huffington Post afferma come i maschi spesso trascurino questa abitudine più delle donne, portando così in giro molti batteri.
Altra cattiva abitudine, purtroppo diffusissima, è quella di lasciare aperta la tavoletta del water. Questa sembra un’abitudine che non porti a niente di negativo, ma il wc è un ricettacolo di germi che in questo modo vagano ovunque, arrivando anche agli spazzolini da denti posizionati nel bicchiere sul lavandino. Su di questi si andrà a depositare della microscopica materia fecale, che verrà poi trasportata altrove.

Quando si tossisce viene spontaneo mettere le mani davanti alla bocca, oppure tossire nell’incavo del gomito. In questo modo, si pensa di arrestare la diffusione dei germi, ma così non è se non ci si lavano le mani subito dopo averlo fatto. Le mani possono, successivamente, entrare in contatto col cibo che poi verrà consumato. I germi depositati sulle mani non lavate possono essere trasferiti anche su altri oggetti, come i corrimano, i ripiani dei tavoli, i giocattoli dei bimbi, ma anche sulle mani di un’altra persona e da qui essere poi portati ovunque.

Mordere i sacchetti con i denti, per aprirli, fa male ai denti ed è anche una cosa poco igienica. Ci si può, infatti, andare a rovinare la dentatura, scagliandosi o rompendosi un dente, ma cosa ancora più grave si vanno a depositare sulla superficie del sacchetto germi in quantità. Il modo di diffusione dei germi è, infatti, simile a quello che si verifica con chi si morde le unghie. Pensate a cosa succederà a chi prenderà tra le mani il sacchetto dopo che voi lo avete aperto utilizzando i denti.
Masticare la punta di matite e penne, cosa che si fa spesso anche in modo quasi automatico, senza neppure pensarci. Questi oggetti sono a contatto con le mani e quindi con i germi per tutto il giorno; metterli in bocca non è proprio il massimo in fatto di igiene. Inoltre, come nel caso precedente, è un’abitudine che potrebbe provocare danni ai denti.

6 cattive abitudini che diffondono i germiultima modifica: 2021-09-16T18:00:20+02:00da gioluz
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment